È con questa ‘assenza’ che si racconta Giuseppe D’Errico, in un turbinio di emozioni che sono sopite, ferme, intrappolate da sé stesse e si celano nelle sue opere. Egli coglie l’attimo in tutta la fugacità del tempo, cerca di immortalare l’essenza del momento e la sua assenza intrisa nell’immagine, che va oltre il pensiero, le membra e l’anima. L’artista è colui che cerca nell’altro, nell’immagine, nell’attimo ciò che lo rende non più partecipe al flusso ma ricercatore dell’assenza, ne delinea i contorni, le sfumature e le luci, donandone una nuova lettura e prospettiva. È l’osmosi dell’uomo e delle sue emozioni, visibile all’altro. Viene selezionato per l’Art Contest di Matera. E’ tra i finalisti del concorso “Portraits” per la città di Agliana. Espone presso la Galleria d’Arte Contemporanea “GalleriArt Spazio 31” per “Emergency”, nella Galleria Principe di Napoli. E’ 1° classificato al “Lemon Photo Festival” di Tramonti (SA). Viene selezionato per il “1st Festival of Contemporary Art: Survival “presso il CAM MUSEUM di Casoria (NA). E’ il fotografo ufficiale della III Edizione del “Premio Maschera di Pulcinella città di Acerra”. Sempre per tale premio è uno dei Direttori Artistici, cura e realizza tutte le grafiche e allestisce la Mostra di Pittura a cura del Dott. Ferdinando Creta. Finalista del Premio “100 anni di imprese. Unione Industriali Napoli 1917-2017”. Espone all’evento “You No Speak Americano Original”, presso il CAM MUSEUM di Casoria (NA). Vincitore del’ "Ostraka Biennale For Youth-Cairo 2017”. Fotografa e cura l’editing del catalogo 2019 dell’azienda di moda “Antica Sartoria Positano”. Realizza la foto di copertina del libro “Io, sono Giuditta” di Assunta Mango.  
 
Principali esperienze/mostre
2017 1° classificato "Ostraka Biennale For Youth-Cairo 2017”.
2021 “cchiùArt PER LA PACE”, Maschio Angioino, Napoli.

2022 “cchiùArt”, Palazzo Venezia, Napoli.

Collettivo di arte contemporanea

LOGO - piccolo.png